fbpx

Cambiare casa, come affrontare il trasloco con i bambini

Quando la famiglia si allarga e la casa si restringe diventa necessario trovare un’abitazione più consona alle nuove esigenze ed affrontare un trasloco.

Perciò, oltre alla nascita di un figlio, spesso la famiglia dovrà affrontare il passaggio obbligato della ricerca di una nuova casa che disponga dei giusti spazi per accogliere la nuova famiglia.

Un figlio cambia irrimediabilmente le priorità della famiglia e questo influenza anche la scelta della nuova abitazione. Inevitabilmente questo comporta una certa dose di stress che, tuttavia, è possibile evitare almeno in parte.

Consiglio sempre alle famiglie, con bimbi piccoli o con figli in arrivo, di rivolgersi ad un buon agente immobiliare che possa seguirli nella loro scelta. Perché? Perché rivolgersi ad un agente immobiliare aiuta la famiglia ad acquistare casa con maggiore serenità.

Il buon agente immobiliare ascolta con attenzione le vostre esigenze e si mette in cerca della casa perfetta per voi. Alla fine dovrete solo presentarvi il giorno del rogito!

Ovviamente però, l’agente immobiliare non fa miracoli. Arriva il momento in cui purtroppo lo stress è quasi inevitabile: il trasloco. Traslocare è pesante per noi adulti, figuriamoci per un bambino! 

Come puoi affrontare un trasloco con dei bimbi piccoli?

Non ho una formula magica ma piuttosto una serie di consigli che potrebbero tornarti utili

1) PARLA CON TUO FIGLIO

I bambini hanno bisogno di tempo per cambiare routine e abitudini e per questo motivo vanno preparati in anticipo al trasloco. Parla con tuo figlio e spiegagli in modo semplice e chiaro perché è necessario che vi trasferiate.

In questo modo il bimbo avrà tempo di assimilare la notizia e sarà pronto per una nuova realtà. Inoltre, se ti è possibile, cerca di coinvolgere il bambino nella scelta della nuova casa.

Ovviamente non spetta a un figlio decidere, ma se si sentirà parte della decisione sarà più facile accettarla di buon grado.

2) EVITA TROPPI CAMBIAMENTI CONTEMPORANEAMENTE

Come abbiamo detto, un trasloco è fonte di stress per grandi e piccini. Tieni presente però che i bambini non sono propensi ai cambiamenti e proprio per questo sarebbe meglio evitare che il momento del trasloco coincida con altri cambiamenti significativi.

3) SISTEMA SUBITO LA CAMERA DEL BAMBINO

Quando avverrà il trasferimento vero e proprio, la prima stanza da sistemare dovrebbe essere quella del bambino. Perché? Perché un bambino ha bisogno di un rifugio, di un posto sicuro all’interno della nuova casa.

Accertati che possa disporre fin da subito dei sui libri e dei suoi giocattoli preferiti: in questo modo renderai subito l’ambiente familiare e confortevole per tuo figlio.

4) MANTIENI I CONTATTI CON LE ORIGINI

Se ne hai le possibilità, prova a visitare il vostro vecchio quartiere oppure se le circostanze lo permettono, invita nella nuova abitazione gli amici di tuo figlio. Ovviamente questo non è sempre possibile, specialmente se il trasferimento avviene molto lontano rispetto alla casa d’origine.

Ma, laddove sia possibile, sarebbe bene cercare di mantenere almeno per un certo periodo, una connessione con il passato, in modo tale da traumatizzare il bambino il meno possibile.

Acquistare una nuova casa e affrontare un trasloco richiede grande pazienza e flessibilità ma e seguirai questi consigli anche i tuoi figli potranno vivere questo passaggio nel migliore dei modi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *