fbpx

Il crowdfunding come investimento immobiliare

Dopo anni di rallentamento, negli ultimi periodi anche il settore immobiliare ha iniziato una timida ripresa che fa ben sperar per il futuro.

Proprio in questo clima di fiducia sono molte le persone che stanno tornando ad investire nel mattone.

L’Italia è sempre stato un paese in cui il settore immobiliare ha avuto molto successo, non a caso siamo tra i Paesi in cui figurano il maggior numero di proprietari di immobili. Anche oggi quindi chi desidera una rendita sicura punta spesso sul mercato degli immobili.

Ma in che modo si può investire in modo concreto ed evitando brutte sorprese?

Tra i vari modi che esistono per investire in modo sicuro nel settore immobiliare spicca sicuramente il crowdfunding, pratica che sta prendendo sempre più piede anche da noi.

Di cosa si tratta?

Il crowdfunding è una sorta di raccolta fondi il cui obbiettivo è quello di raggiungere una determinata quota da impiegare per la costruzione di nuovi edifici o la ristrutturazione di aree già esistenti. Esistono due tipi di crowdfunding: Equity e Lending.

Equity. Nel primo caso chi sceglie di investire lo fa acquistando le quote di una società e diventando quindi socio del progetto, partecipando in maniera attiva e diretta.

Nel caso del Lending invece l’investitore apporta un quota in denaro per la realizzazione dell’opera senza però entrare a far parte della società. L’investimento produrrà i suoi effetti nel momento in cui il progetto sarà terminato e si potrà mettere a reddito l’unità immobiliare.

Un aspetto interessante del crowdfunding è la possibilità di investire non solo in Italia ma anche all’estero. Il crowdfunding infatti è molto utilizzato nei paesi del nord Europa, come il Regno Unito.

Esistono diverse piattaforme sul web che si dedicano a questa tipologia di investimento.

Tra i portali più noti ci sono RE-LENDER, sito dedicato a progetti di sostenibilità che permette di investire anche somme irrisorie come 50 €; CROWDESTATE, nata nel 2014 e diffusasi soprattutto in nord Europa; CONCRETE che gestisce invece l’Equity e permette di diventare socio del progetto.

Il crowdfunding può fare anche al caso tuo? 

Questa è ovviamente una considerazione personale ma sicuramente, come abbiamo visto oggi, il crowdfunding può essere una valida alternativa da tenere in considerazione, specialmente se non si dispone di grandi somme ma non ci si vuole precludere la possibilità di fare un investimento sicuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *